Daniele Nava

SOTTOSEGRETARIO ALLE RIFORME ISTITUZIONALI, AGLI ENTI LOCALI, ALLE SEDI TERRITORIALI E ALLA PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA DI REGIONE LOMBARDIA

DANIELE NAVA
Daniele Nava

SOTTOSEGRETARIO ALLE RIFORME ISTITUZIONALI, AGLI ENTI LOCALI, ALLE SEDI TERRITORIALI E ALLA PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA DI REGIONE LOMBARDIA

Nato a Lecco il 20 gennaio 1975 da genitori lecchesi, vive in città e ha un figlio, Giovanni, nato nel 1998. Ha conseguito la maturità scientifica e condotto studi universitari in materie giuridiche. E’ imprenditore nell’azienda di famiglia, che ha sede in Brianza, della quale ha cominciato a occuparsi dall’età di 22 anni.

Sin da giovanissimo è impegnato nella vita amministrativa della città di Lecco: è capo gruppo nel consiglio comunale dal 1997 al 2001 ed é il più votato dei partiti della Casa delle Libertà nel 2001 e nel 2006, ricoprendo la carica di Vicesindaco nello stesso periodo, carica poi riconfermata per il secondo mandato e ricoperta fino al momento della sua proclamazione a Presidente della Provincia di Lecco nel giugno 2009.

Ha partecipato in qualità di delegato alla fondazione del Popolo della Libertà al Congresso di Roma del marzo 2009 e nel 2010 il Presidente Silvio Berlusconi, su proposta dei coordinatori Sandro Bondi, Ignazio La Russa e Denis Verdini, lo ha nominato Vice-Coordinatore Vicario Provinciale di Lecco. Nel novembre 2013 ha aderito al Nuovo Centro Destra.

Come Presidente della Provincia di Lecco ha trattato direttamente, non avendo conferito deleghe agli assessori, le materie relative agli Affari Istituzionali e Generali, alla Comunicazione, alle Risorse Umane, alle Relazioni con Società Civile e Società Partecipate, ai Rapporti e Assistenza Tecnica agli Enti Locali, all’Ambito Territoriale Ottimale (ATO), allo Sport e al Turismo.

Numerosi sono i progetti e gli interventi rilevanti che come Presidente ha voluto e realizzato in ambito amministrativo. La Provincia di Lecco è all’avanguardia rispetto all’informatizzazione delle procedure e alla dematerializzazione. Nei primi mesi dal suo insediamento è stato infatti siglato con il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta il Protocollo per l’innovazione dei processi e dei servizi nella Provincia di Lecco, finalizzato al miglioramento dei processi produttivi e delle relazioni con i cittadini e le imprese, anche tramite il coinvolgimento degli enti locali operanti nel territorio.

Un servizio messo a disposizione dalla Provincia di Lecco per la tutela della garanzia e dell’imparzialità dell’attività amministrativa è quello di Difesa Civica. Numerosi sono i Comuni che hanno aderito e numerosi sono i cittadini che hanno usufruito delle funzioni del Difensore Civico Territoriale, figura che rappresenta una forte garanzia della quale possono disporre i cittadini e che opera in piena autonomia e indipendenza per l’imparzialità e il buon andamento dell’attività amministrativa. La linea prescelta è stata quella di fornire risposte alle problematiche rappresentate dai cittadini, dando suggerimenti e intervenendo anche a titolo di collaborazione istituzionale presso le amministrazioni, non solo degli enti locali, per un possibile esame e per la risoluzione dei casi.

Un’alta attenzione rispetto alle esigenze dei cittadini e delle Amministrazioni comunali, confermata anche dall’apertura di uno sportello di protocollo a Merate e in generale dall’ampliamento degli orari di apertura al pubblico degli sportelli provinciali. Particolare è la sua attenzione rispetto al sostegno dell’economia italiana e locale, attraverso l’approvazione di una delibera di giunta ha deciso di intervenire nell’ambito delle procedure di spesa in economia per l’acquisto e la fornitura di beni, per promuovere la definizione di criteri di preferibilità sociale nell’acquisto dei prodotti, che valorizzino la specificità e la qualità dei prodotti italiani, oltre che le aziende del territorio, soprattutto in un periodo in cui il Paese vive un momento di recessione economica.

Parallelamente alle politiche di sviluppo economico del territorio sono state avviate e consolidate politiche di sostegno al lavoro e all’occupazione attraverso la gestione dell’Unità di crisi aziendali; nell’ambito del progetto finalizzato al ricollocamento dei dipendenti, la Provincia di Lecco ha supportato le aziende in crisi.

Posto che le infrastrutture costituiscono la base per lo sviluppo economico e sono di grande utilità per i singoli, il Presidente Nava si è impegnato per il miglioramento della viabilità provinciale attraverso la desemaforizzazione e la creazione di rotonde. L’opera prioritaria del suo mandato è sicuramente la realizzazione del nuovo asse viario Lecco-Bergamo, intervento imponente, finanziato in parte dal CIPE, i cui lavori stanno procedendo secondo quanto stabilito dal crono programma.

Dal punto di vista del marketing territoriale e culturale si segnalano le politiche per la promozione del territorio nell’ambito del marchio “Lago di Como”, attraverso sistematici interventi di sostegno al Lago, alla Montagna e alla Brianza, e sul fronte più prettamente culturale sono da segnale il progetto Luoghi e Vie della Fede in provincia di Lecco, che prevede interventi conservativi e di restauro di diversi beni e itinerari di interesse culturale e religioso e la loro valorizzazione in termini turistici, la costituzione del Sistema Museale e numerosi altri progetti finanziati su bandi regionali e comunitari.

In linea con i principi di efficienza, efficacia ed economicità ha avviato un percorso di internalizzazione dei servizi di gestione del compendio di Villa Monastero, dismettendo l’Istituzione a fine 2012. Il ritorno in termini di numero di visitatori, l’alto livello dell’attività convegnistica e l’incremento della richiesta di utilizzo della Villa per eventi culturali e scientifici hanno confermato la bontà della scelta, con un ritorno anche in termini economici.

Il 30 Aprile 2014 è stato nominato dal Presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni,  Sottosegretario alle riforme istituzionali, agli enti locali, alle sedi territoriali e alla programmazione negoziata.

 

IL RUOLO DEL SOTTOSEGRETARIO
Il Sottosegretario, con riferimento al compito attribuito:
a. rappresenta il Presidente nelle attività istituzionali, amministrative e politiche della Regione ferma restando la potestà del Presidente di esercizio diretto dell’attività istituzionale nei casi di particolare rilevanza politica e strategica;
b. opera in costante raccordo con il Presidente, conformemente ai suoi indirizzi e alla sua direzione politica, riferendo in merito ai temi e alle questioni di maggior rilievo, in modo da assicurare l’univocità e l’unità di governo e al fine di concordare le iniziative da assumere, nell’ambito della collegialità e dell’azione complessiva di governo;
c. partecipa, secondo le disposizioni dello Statuto, alle sedute della Giunta regionale pur non essendone componente e se richiesto riferisce direttamente su argomenti e questioni afferenti alle funzioni attribuitegli; assicura, inoltre, la propria presenza, secondo
le disposizioni del Presidente, ai lavori del Consiglio regionale, delle Commissioni consiliari e di ogni altro organismo cui è chiamato a partecipare, in ragione del compito affidato, per legge o regolamento;
d. garantisce la gestione dei rapporti a livello interregionale e nazionale con tutte le istanze istituzionali interessate nell’ambito dei compiti attribuiti, in particolare con la Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome e le commissioni nelle quali essa si articola, con il Governo, il Parlamento e con gli organi dell’Unione Europea ed i paesi esteri interessati;
e. cura, anche su mandato del Presidente, i rapporti con i cittadini e con le rappresentanze delle formazioni sociali ed economiche; assicura inoltre un adeguato presidio dei rapporti con il territorio lombardo, in raccordo con il Presidente e con i rappresentanti della Giunta delegati ai Tavoli Territoriali di coordinamento.

 

UFFICIO:
Sede: piazza Città di Lombardia, 1 – Milano
Telefono: Segreteria: +3902.6765.*****
E-mail: -

EVENTI
ULTIME NEWS



Design? OscarNet