Daniele Nava

SOTTOSEGRETARIO ALLE RIFORME ISTITUZIONALI, AGLI ENTI LOCALI, ALLE SEDI TERRITORIALI E ALLA PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA DI REGIONE LOMBARDIA

Inserito il 02/08/16 | 0 commenti

Daniele Nava: “La Comunità Montana Valsassina al sesto posto della graduatoria”


Mauro Piazza: “Capacità progettuale e attrattiva da parte delle Comunità Montane”


Milano, 2 agosto 2016 – Oltre 5,5 milioni di euro nell'ambito del Programma di sviluppo rurale di Regione Lombardia andranno alla Comunità Montana della Valsassina, Valvarrone Val d’Esino e Riviera, capofila di un progetto che vede anche la presenza dei comuni di Mandello del Lario, Abbadia, Lierna, Ballabio e Lierna nonchè della Comunità Montana delle Valli del Lario e del Ceresio (le due CM insieme costituiscono il GAL – gruppo di azione locale - dei due laghi).


“La comunicazione ufficiale è stata pubblicata sul Burl di Regione Lombardia di oggi, 2 agosto – spiega il sottosegretario Daniele Nava – Il lavoro progettuale delle due realtà si è classificato al sesto posto ed è rientrato quindi a pieno titolo tra i dieci progetti ammessi ai finanziamenti”.


“Su dieci progetti che verranno finanziati ben sei sono stati presentati da Comunità Montane, segno che questi enti hanno capacità progettuale e che sono in grado di recuperare risorse per i territori di riferimento”, aggiunge il consigliere regionale Mauro Piazza.


Tra gli ambiti tematici di intervento previsti dal bando e che rientrano nel progetto della CM Valsassina vi sono lo sviluppo e l’innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali (agro-alimentari, artigianali e manifatturieri), il turismo sostenibile, la valorizzazione e gestione delle risorse ambientali e naturali, l’accesso ai servizi pubblici essenziali.






Inserito il 26/07/16 | 0 commenti

La società pronta ad ascoltare e risolvere le richieste dei comuni in difficoltà


Milano, 26 luglio 2016 – Un impegno preciso da parte di Poste Italiane affinché le segnalazioni dei comuni lombardi sui disservizi che la riorganizzazione del sistema postale sta determinando vengano analizzati e risolti: singolarmente e puntualmente. Questo il risultato ottenuto al tavolo regionale di questo pomeriggio, coordinato dal sottosegretario Daniele Nava, presenti gli esponenti di Poste Italiane e i rappresentanti di Anci Lombardia.


Gianni Rossoni, Michel Marchi e Rinaldo Redaelli per Anci Lombardia hanno evidenziato come “diverse municipalità, in particolare nella provincia di Como e nella provincia di Cremona, lamentano alcuni disservizi importanti tra cui la consegna della corrispondenza ben oltre i quattro giorni inizialmente previsti da Poste Italiane e il fatto che la procedura applicata ai cittadini ricada anche sui comuni stessi. Gli uffici comunali, ricevendo la corrispondenza non quotidianamente, hanno come contraccolpo ritardi nello svolgimento delle pratiche”.


Da parte loro i rappresentanti territoriali di Poste hanno assicurato che “sono in corso provvedimenti correttivi per risolvere le situazioni di maggiore criticità, in ogni caso una percentuale contenuta rispetto alla portata complessiva dell’intervento”.


D’altra parte hanno raccolto l’invito del sottosegretario Nava che, chiudendo i lavori, ha chiesto “una puntuale valutazione delle problematiche segnalate finora dai sindaci per arrivare a una soluzione caso per caso, in quanto la specificità del territorio lombardo non consente interventi standard, basti pensare alle situazioni dei piccoli comuni montani”.


Nava ha quindi rilanciato per un appuntamento a metà settembre finalizzato alla valutazione dello status quo e alla definizione di ulteriori interventi migliorativi.






Inserito il 13/07/16 | 0 commenti

Daniele Nava: “Un sostegno importante per non perdere eventi e iniziative a causa della crisi economica”


Lecco, 13 luglio 2016 – Nell'ambito dell'Avviso Unico, l'assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini ha assegnato alla provincia di Lecco 78.100 euro.


“In particolare – entra nei dettagli il sottosegretario lecchese Daniele Nava -  4.600 nell'ambito del bando biblioteche, 36.500 euro per ciò che concerne i musei, circa 23.000 attraverso il bando della promozione educativa e culturale che vede alcuni progetti in concomitanza con la provincia di Monza e Brianza“. 


Sempre sul bando della promozione educativa e culturale sono stati assegnati altri 3.000 per 'Immagimondo' e 5.000 euro all'associazione 'Teatro Invito' (con il coinvolgimento di


Bergamo e Monza e Brianza) per 'I luoghi dell'Adda'; ulteriori 10.000 euro sono stati assegnati per le iniziative sul bando cinema per il '26° Festival del cinema africano, d'Asia e America latina-Designing futures' dell'associazione 'Centro orientamento educativo’. Gli ultimi 4.000 per il progetto 'Agimus' e i percorsi musicali in Lombardia.


“Con questi stanziamenti Regione Lombardia permette la realizzazione di eventi e iniziative che, altrimenti, rischiano di non poter sopravvivere nell’attuale situazione economica che vede il pubblico e il privato sempre più in difficoltà a sostenere la cultura”, conclude Nava.






Inserito il 04/07/16 | 0 commenti

Mauro Piazza: “Un progetto di centrodestra, obiettivo amministrare”


Daniele Nava: “Dalla Lombardia un messaggio forte per il livello nazionale” 


Milano, 4 luglio 2016 “Come lecchesi siamo interessati, personalmente e insieme alla rete di amici e amministratori locali, a un progetto che sia chiaramente nel centrodestra, chiaramente riformatore, chiaramente votato ad amministrare. Oggi dalla Lombardia è partito un messaggio al livello nazionale chiaro e inequivocabile per un futuro che è decisamente prossimo”. Così oggi Mauro Piazza, dopo la conferenza stampa di presentazione del nuovo gruppo Lombardia Popolare in Regione, cui hanno aderito gli attuali consiglieri del Nuovo Centrodestra tra cui lo stesso Piazza e Daniele Nava. 


La nuova proposta politica allarga i suoi orizzonti non solo alle esperienze politiche di tradizione cattolica, liberale e socialista, ma soprattutto alla ricchezza della società civile e a tutto quell'elettorato moderato che oggi non si ritrova in nessun soggetto.


L’evoluzione da Ncd a Lombardia Popolare porterà anche a una nuova organizzazione del partito regionale, per compiere quel cambio di passo necessario a smuovere l'area moderata dall'immobilismo e creare un'alternativa concreta e nuova alla sinistra e al grillismo.


“I prossimi diciotto mesi saranno decisivi per dimostrare ai lombardi che siamo capaci di fare del buon governo e non solo che abbiamo tenuto vivo un modello di eccellenza – aggiunge il sottosegretario Daniele Nava – In questa prospettiva il cambio di passo è anche un monito per i nostri alleati e il presidente Maroni, affinché in Regione Lombardia si compia un'accelerazione di cui sentiamo il bisogno, sia approvando nuovi provvedimenti sia superando la timidezza nell'attuazione delle riforme, in primis sanità e casa”.


Molti sono i temi che Lombardia Popolare vede come urgenti, a partire da quello della famiglia, con la proposta di introdurre il Fattore Famiglia, sino al tema decisivo della disoccupazione giovanile, senza dimenticare l'autonomia regionale, intesa come federalismo autenticamente applicato, e l’innovazione amministrativa.


Alla conferenza stampa di presentazione della nuova squadra regionale erano presenti il capogruppo Alessandro Capelli e il coordinatore lombardo Alessandro Colucci oltre a Maurizio Lupi, capogruppo di AP alla Camera, Matteo Forte, consigliere di Milano Popolare, e Alessandro Bramati, Presidente del Municipio 4 di Milano.


 






Inserito il 20/06/16 | 0 commenti

Milano, 20 giugno 2016 – Via libera ai lavori urgenti di consolidamento e di sistemazione dell’importante nodo ferroviario-viabilistico costituito dal ponte San Michele a Paderno.


“Regione Lombardia fa la sua parte e nel provvedimento di assestamento approvato oggi in Giunta stanzia 1,6 milioni di euro per la sistemazione viabilistica e messa in sicurezza dell’infrastruttura – spiega il sottosegretario Daniele Nava a margine dei lavori dell’Esecutivo lombardo - In particolare le risorse rese disponibili da Regione Lombardia andranno alla messa in sicurezza del  piano stradale, dei marciapiedi, dei canali di scolo e dei parapetti che, troppo spesso, sono scavalcati da “disperati” che si lanciano nel vuoto”.


RFi, invece, proprietaria dell’opera, interverrà con 20 milioni per salvaguardare l’importantissimo manufatto di notevole pregio architettonico.


“Ancora una volta Regione Lombardia, visto lo stato in cui versano le casse ormai vuote delle province di Bergamo e di Lecco, provvede a supplire alle carenze che emergono, a tutela dei cittadini e della loro sicurezza”, conclude il sottosegretario Nava".


"La sicurezza dei cittadini è l'elemento prioritario a cui provvedere - fa eco Antonio Rossi, Assessore regionale allo Sport e alle Politiche per i Giovani - La riqualificazione delle infrastrutture dell'area interessata deve, oltre alla fluidità del nodo ferroviario-viabilistico, tutelare i cittadini e prevenire eventuali ulteriori incidenti".






Inserito il 01/06/16 | 0 commenti

Nava: “Pronto soccorso, salvataggio e vigilanza in vista della stagione estiva”


Milano, 1 giugno 2016 – 50.000 euro per il Lario e i laghi minori per servizi di sicurezza in vista della stagione estiva sono stati stanziati ieri dalla Giunta di Regione Lombardia su proposta dell'assessore alle Infrastrutture e Mobilità, Alessandro Sorte, e di concerto con  l'assessore alla Sicurezza, Protezione civile ed Immigrazione Simona Bordonali.  


All'Autorità di Bacino del Lario e dei laghi minori andranno 40.000 euro per interventi riguardanti il servizio di  sicurezza, pronto soccorso e vigilanza e 10.000 per la diffusione del servizio di salvamento bagnanti e l'installazione specifiche attrezzature. A riferirlo è il sottosegretario lecchese Daniele Nava. 


"Avvicinandosi la stagione estiva anche quest'anno Regione Lombardia aiuta le Autorità di Bacino nel garantire un livello sempre alto di sicurezza - dettaglia Nava - Grazie ai nostri fondi potranno essere incrementati non solo il soccorso e la vigilanza, ma anche i servizi di salvataggio”.


L’intervento complessivo sul territorio è di 400.000 euro per interventi di sicurezza, pronto intervento e vigilanza nei laghi lombardi (sia pattugliamento sia servizi di salvataggio) e prevede anche la pulizia straordinaria del lago d'Iseo per l’evento 'The Floating Piers'.






Inserito il 24/05/16 | 0 commenti

Daniele Nava: “Oltre 16 milioni di euro stanziati; eliminato il click day”


Milano, 24 maggio 2016 – “Oltre 16 milioni di euro per l'energia pulita, per un bando che prevede una misura per l'efficientamento energetico per i Comuni oltre che per le imprese”. L’annuncio è del sottosegretario Daniele Nava che riferisce gli esiti della riunione della Giunta regionale lombarda di ieri. 


A Enti locali, Comuni fino a mille abitanti, alle Unioni dei Comuni, alle Comunità montane e alle Unioni dei Comuni nate dopo 2011 vanno 11 milioni di euro: "Gli obiettivi sono di ridurre i fabbisogni e i costi energetici - ha precisato il presidente Roberto Maroni - e, ovviamente, le emissioni di CO2”. 


“Per raggiungerli abbiamo deliberato un contributo a fondo perduto fino al 90 per cento delle spese, con un massimo di 250.000 euro per l'efficientamento degli edifici di proprietà dei Comuni con le classi energetiche peggiori: D, E, F e G”, spiega Nava. 


A differenza dell’analogo bando precedente sullo stesso tema, cambia la modalità di accesso: non più 'a sportello', sulla logica del 'chi primo arriva meglio si accomoda' (quindi con il click day che aveva creato difficoltà in passato).


Questa volta, infatti, verrà fatta una selezione dei beneficiari secondo una graduatoria, che prevede l'assegnazione dei fondi fino al loro esaurimento per i progetti più significativi.


“Questo perchè i bandi 'a sportello' spesso penalizzano i piccoli Comuni, che fanno fatica ad arrivare prima delle Municipalità più grandi", conclude Nava.


Il provvedimento prevede anche 5,6 milioni di euro destinati alle Pmi, con un co-finanziamento del Mise.






Inserito il 10/05/16 | 0 commenti

Daniele Nava: “In provincia di Lecco interessate tre Unioni di Comuni”


Lecco, 10 maggio 2016 – "Accogliendo la richiesta pervenuta da Anci, la Giunta di Regione Lombardia ha deliberato la proroga dal 10 maggio all'11 luglio dei termini per la presentazione delle domande per la concessione del contributo ordinario per l'anno in corso da parte delle Unioni di Comuni". Così il sottosegretario regionale alla Presidenza, con deleghe a Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi territoriali e Programmazione, Daniele Nava.


PROVVEDIMENTO PER 200 COMUNI IN 67 UNIONI, TRE NEL LECCHESE - "Si tratta di una delibera – spiega il sottosegretario Nava - che interessa quasi duecento comuni inseriti in 67 Unioni, di cui tre nel Lecchese. Si tratta dell’Unione dei Comuni della Valletta (La Valletta Brianza, Santa Maria Hoè), dell’Unione Centro Valsassina (Cortenova, Parlasco, Pasturo) e dell’Unione dei Comuni della Valvarrone (Introzzo, Tremenico, Sueglio, Vestreno)”.


Anci ha evidenziato, all'atto della richiesta di proroga accolta in Giunta, una serie di difficoltà a presentare la domanda. I problemi sono legati al blocco del turn over del personale, alla concomitanza del bilancio previsionale con il documento degli equilibri finanziari, al bilancio armonizzato, alla nuova modulistica per chiedere i contributi e al nuovo Codice appalti.


I DESTINATARI - La proroga si applica limitatamente alle Unioni di Comuni lombarde le cui domande di iscrizione al Registro regionale perverranno entro e non oltre il 13 maggio e che completeranno la rendicontazione entro l’11 luglio. Regione Lombardia, per la migliore efficienza nella gestione dei servizi delle Unioni, per quest'anno ha definito parametri più puntuali e precisi.


GARANTITO ACCESSO A FONDI PER TUTTI - "Assicurando il posticipo del termine per la presentazione delle domande - conclude Nava - viene garantito alle Unioni di Comuni di recente iscrizione al Registro regionale di poter beneficiare del contributo previsto dalla normativa della Lombardia".






Inserito il 03/05/16 | 0 commenti

Lecco, 29 aprile 2016 – "Il lago di Annone deve tornare al suo antico splendore. Per questo abbiamo deciso come Regione Lombardia di contribuire al suo risanamento e alla riduzione del carico inquinante permettendo alla Provincia di continuare a svolgere l'attività di gestione dell'impianto necessario al prelievo ipolimnico e all'ossigenazione delle acque".

Così Antonio Rossi, assessore regionale allo Sport e alle Politiche per i Giovani, e Daniele Nava, sottosegretario alle Riforme istituzionali, Enti locali, Sedi Territoriali e Programmazione negoziata, dopo l'approvazione in Giunta regionale dello schema di accordo con la Provincia che stanzia 75.000 euro per la gestione dell'impianto finalizzato alla riduzione del carico inquinante del lago di Annone Bacino Est.

RICADUTE AMBIENTALI E TURISTICHE - "È un provvedimento importante - spiegano l'assessore Rossi e il sottosegretario Nava - perché avrà ricadute sia ambientali sia turistiche. Come Regione dobbiamo fare di tutto perché il nostro bellissimo territorio venga conservato e consegnato alle prossime generazioni in perfetto stato. Per questo da anni abbiamo una convenzione con la provincia di Lecco con l'obiettivo di raggiungere un miglioramento da un punto di vista trofico del lago di Annone". "Oggi - hanno concluso Rossi e Nava - abbiamo deciso di proseguire e consentire un effettivo risanamento delle acque. Ancora una volta la Lombardia si dimostra sensibile alle esigenze del territorio lecchese".






Inserito il 30/04/16 | 0 commenti

Lecco, 30 aprile 2016 – “Un ennesimo colpo al cuore di Lecco, l’ennesima dimostrazione della totale mancanza di lungimiranza e di capacità di guida da parte dell’Amministrazione comunale guidata da Virginio Brivio”. Così Mauro Piazza e Daniele Nava del Nuovo Centrodestra commentano la notizia dell’imminente chiusura del Caffè del Teatro.

“Lo storico locale spegnerà le luci da domani, primo maggio, e “la motivazione è emblematica di uno status quo da stigmatizzare duramente: il canone dell’affitto troppo alto, eccessivo soprattutto a fronte di una diminuzione del giro d’affari per un evento prevedibile come il trasloco del tribunale cittadino. E il proprietario è il Comune di Lecco stesso”, proseguono i due esponenti di NCD.

Se la motivazione è chiara, altrettanto lampante è il comportamento tenuto da Palazzo Bovara: “Il gestore ha avuto incontri con il sindaco, con gli assessori e con i dirigenti completamente infruttuosi. Come è possibile un disinteresse così forte per un operatore economico di Lecco e per un locale storico, accanto a quel gioiello che è il Teatro della Società?” - si chiedono Piazza e Nava - E’ mancata la flessibilità davanti alla necessità di tutelare un locale storico e complementare all'attività del teatro. Nelle piccole cose l'Amministrazione si perde e così, mentre riapre piazza Affari, si chiude questo locale”.

Senza scomodare la vocazione turistica della città, lo scorso anno in campagna elettorale “il Nuovo Centrodestra aveva messo, tra i punti programmatici per il commercio, la creazione a Palazzo Bovara di uno sportello finalizzato proprio ad agevolare l’incontro tra domanda e offerta di locazione, per evitare che canoni eccessivi strozzino le attività, come è accaduto in questo caso. Nemo propheta in patria”, concludono Piazza e Nava.





Pagine:   1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  
EVENTI


Design? OscarNet